12. dic, 2016

Le emozioni da vivere

Recentemente sono stata a teatro a vedere uno spettacolo molto particolare. Si chiama "La pazza della porta accanto" e narra la storia della vita giovanile di Alda Merini, detta la poetessa dei Navigli, donna affetta da depressione, schizofrenia e bipolarismo... ma che negli anni 70 durante la sua giovinezza non erano conosciute. Era semplicemnte considerata pazza ed è stata internata in un manicomnio, a sua insaputa, dal marito, a soli 36 anni. Si ritrova quindi a subire un ambiente ospedaliero malsano, l'elettroshock, i bagni in acqua gelata, umiliazioni, proibizioni e ad indossare vestiti sudici, tutti uguali agli altri e condividere il suo tempo con degenti che non hanno neppure un nome, vengono chiamati come una lettera "zeta" "acca"... ecc. Un mondo privo di emozioni, privo di colori, privo di vita semplicemente."Si va in manicomio per imparare a morire" scriveva Alda Merini un uno dei suoi aforismi più famosi. E invece la poetessa dei navigli amava la vita e l'amore. E nasce un'appassionante storia d'amore con un altro giovane paziente "pazzo" e ha un figlio, che poi le viene tolto.
E' uno spettacolo emozionante, anche se molto forte, dove l'attrice protagonista, Anna Foglietta, con molta bravura ha saputo calarsi nei panni di questa donna disperata, ma che non si lasciava andare, che voleva vivere. Rivela il suo senso profondo di maternità, la fede religiosa e soprattutto la grande capacità di resistere alla brutalità dell'ambiente in cui si ritrova suo malgrado. Mi ha colpito molto quando al dottore del manicomio ha detto "potete catturare il mio corpo ma non la mia mente e i miei pensieri"
La vita è un mondo bellissimo e libero e dopo quei 90 minuti di spettacolo mi sono ritrovata ad apprezzare ancora di più la libertà, la democrazia, il luogo dove vivo, ma soprattutto il modo in cui vivo, perchè si può essere prigionieri anche essendo liberi.... ma ci vuole grande forza, determinazione e grinta per essere liberi quando si è prigionieri....
Tutto è nella nostra mente, noi possiamo decidere ogni giorno, ogni ora, ogni minuto, cosa e come pensare... ‚Äčla società ci abitua ad essere "normali" e invece dentro ognuno di noi esiste un mondo diverso, mille capacità e modi di essere, sfumature differenti e molteplici, un arcobaleno che attende solo di essere dipinto...e che spesso non sappiamo neppure di avere.
Anche Alda Merini lo diceva "qui è tutto dello stesso colore ma i colori li devi avere dentro di te!". Ogni momento scegliamo di quale colore è il nostro sorriso, il nostro pensiero, la nostra giornata... la vita non è infinita e anche io ho impiegato un po' per smettere di lamentarmi perchè era finito lo yogurt alla fragola, o perchè pioveva, o perchè alcune cose non andavano come volevo io.... Leggendo molti libri, ascoltando persone di successo, frequentando corsi e seminari, ho capito che ogni persona è un mondo meraviglioso, è una sinfonia musicale, che ognuno può decidere come si sente, come risponde alle situazioni... perchè i problemi ci saranno sempre, ma si può fare la differenza grazie alle soluzioni che troviamo!!!
Nel manicomio c'erano regole sempre o comunque, nella vita tu scegli le tue regole!!! Siamo nel periodo più florido e prolifico dove le migliori idee vengono alla luce (proprio grazie alla cosiddetta crisi e alla mancanza di lavoro) è in questo esatto momento che vengono inventati nuovi lavori, con internet o con la semplice creatività giovanile e non, crescono e prolificano aziende da oggi a domani. Le soluzioni sono tutte dentro di noi, sono già scritte ma a volte siamo così occupati a pensare ai problemi che il resto viene offuscato, annebbiato, coperto, rinchiuso! ... E quando Alda Merini è uscita dal manicomio, in quanto ormai fatti chiudere per 
legge, diceva "Non è tanto triste vivere in un mondo sbagliato. E' di gran lunga peggio ritrovarsi nella parte giusta di quel mondo" ... non era assolutamente compresa, si sentiva sola. Oggi possiamo avere mille amici e follower sui social e sentirci soli, ma tutto sempre dipende da noi, ci sono anche mille opportunità per conoscere persone nuove, per viaggiare, per capire, per imparare!!!
Infatti nello spettacolo "la giovane Proserpina riesce a risalire dall'Inferno e rivedere la luce. La poetessa dei navigli non si lascia vincere dalla rassegnazione, ma l'amore per tutto ciò che è vivo l'aiuterà a tornare alla vita!
E tu rifletti mai su tutte le cose, situazioni e persone belle che hai nella tua vita? Cosa potresti pensare per essere più felice?
 
 
 Il sorriso è sempre la miglior risposta... Proprio come fa un bambino, dobbiamo tornare a sorridere 150 volte al giorno e non solo 15 come fanno in media gli adulti!!!
 
 
Ti auguro tanti sorrisi!!! Cool
 
 
TiziB
 
 
 
 
 
 
P
iccoli suggerimenti:
 
 
 
 
Libro "Padre ricco, padre povero"
 
 
 
 
 
 
 
T